Tortelli dolci fritti

tortelli-marmellata

IngredientiVellutata di fico (FILEminimizer)

  • 500 g di farina 00
  • 165 g di zucchero semolato
  • 3 uova piccole o 2 grandi
  • 50 g di burro fuso
  • 15 ml di sassolino o sambuca
  • 10 ml di latte intero
  • 1 bustina di lievito in polvere
  • Vellutata biologica al fico
  • Olio di semi per friggere
  • Zucchero a velo q.b.

Procedimento

Disponete la farina su una spianatoia a fontana al centro della quale dovrete mettere il burro, lo zucchero, le uova sbattute, il sassolino ed il latte e il lievito. Come per fare la pasta mescolate con una forchetta tutti gli ingredienti cercando di includere sempre più farina nell’impasto. Dopo di chè potete impastare a mano finchè gli ingredienti saranno tutti amalgamati tra di loro.
Fate riposare l’impasto per una decina di minuti poi stendetelo allo spessore di circa 3 mm. Coppate tanti dischi di pasta e mettete al centro di ciascuno di essi un cucchiaio di vellutata.
N.B.: il ripieno tradizionale dei tortelli dovrebbe essere fatto con il savor modenese (un impasto fatto con mosto d’uva, mele, pere, noci e mandorle e scorza d’agrume) oppure con un composto a base di castagne bollite, pinoli, cacao e zucchero. Io e la Nonna abbiamo preferito usare la marmellata, rigorosamente di prugne come vuole la tradizione modenese, per non appesantirli troppo.
Richiudete i dischetti in modo da formare delle mezzelune, sigillate i bordi con i rembi di una forchetta e friggete nell’olio ben caldo. E’ sempre meglio schiacciare il più possibile i lati dei ravioli così che non si aprano in cottura, nel caso in cui non fossero sigillati del tutto si aprirebbero in cottura e la marmellata fuoriuscirebbe.
Ricordatevi che la temperatura ottimale di frittura è tra i 170-180° C, attorno ai 190°C l’olio raggiunge il punto di fumo ed è da buttare! Per controllare la temperatura è sempre meglio dotarsi di un termometro per dolci, ormai si può trovare ovunque e non costa molto. In alternativa potete usare un cucchiaio di legno: immergetene un angolo nell’olio e, se attorno a questo si formano le tipiche bollicine da frittura, l’olio è in temperatura.
Ogni tortello deve cuocere per circa 3-4 minuti, poi essere scolato su carta paglia o assorbente e spolverizzato di zucchero a velo.

Inserisci un commento

Puoi utilizzare questi HTML tags e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>